Violoncelli

Scuola Musicale Giudicarie Scuola

Dylan Baraldi

Violoncello

Il giovane talento italiano è risultato vincitore di numerosi premi Nazionali e Internazionali quali "premio Città di Vittorio Veneto", "Riviera della Versilia", "Concorso nuovi orizzonti Arezzo", "Concorso europeo Alfredo e Wanda Marosig", "Concorso internazionale Rovere d'oro, "Concorso Salieri", "Concorso Geminiani". Come migliore studente diplomato dell'anno inoltre ha potuto debuttare da solista all'età di 17 anni suonando il concerto per violoncello di Dvorák.

Diplomatosi giovanissimo col massimo dei voti al conservatorio "C. Pollini" con Mario Finotti, prosegue attualmente gli studi di perfezionamento presso le prestigiose sedi internazionali dell'"Universität Mozarteum" di Salzburg con Enrico Bronzi e del "Conservatoire National Supèrieur de Paris" con Marc Coppey. La sua formazione comprende inoltre numerose partecipazioni a masterclass scolastiche e di musica da camera con insegnanti di chiara fama quali Michael Flaksman, Eric - Maria Couturier, Giovanni Gnocchi, Anna Serova, Leonardo Sapere, Eszter Haffner, Raphaël Pidoux, Giovanni Sollima, Alexander Chaushian, Gary Hoffman.

La sua passione per la musica da camera lo ha portato a collaborare con numerosissimi musicisti, quali Alexander Gadjiev, Giovanni Zanon, Marc Coppey, Mercel Mok, Margherita Santi, Haruna Shinoyama, Aleksandr Shaikin, Axel Trolese.

Collabora attivamente anche in formazioni orchestrali giovanili ricoprendo il ruolo di violoncello di spalla, come l'O.R.C.V. e l'Orchestra Italo Montemezzi, e con orchestre prestigiose internazionali come l'"Ensemble InterContemporain", sotto la direzione di Matthias Pintscher, Bruno Weil, Hans Graf, Gianluigi Gelmetti, Andrea Battistoni.

Si è inoltre esibito in importanti sale come: Philharmonie de Paris, Wiener Saal di Salisburgo, Teatro Ristori di Verona.

L'interesse e la curiosità verso la musica contemporanea lo ha portato a partecipare a diversi progetti, fra cui anche "Limone Aus Silizien" del compositore Manfred Trojahn, alla presenza del medesimo.